Search
× Search

In Vetrina

Horeca staff
/ Categories: Novità & Eventi, Beverage

Il caffè potrebbe diventare Patrimonio Unesco


Dopo la pizza napoletana, nel 2020 il caffè espresso italiano tradizionale potrebbe diventare patrimonio immateriale dell'umanità Unesco.

Dal punto di vista dei consumi il caffè è la seconda bevanda dopo l'acqua più bevuta nel mondo con la Finlandia che detiene il primato europeo del consumo del caffè. E l’Italia non si può immaginare senza il rito del caffè che aiuta a svegliarsi e a ricaricarsi di energia - il 95% dei connazionali lo beve abitualmente, il 92% lo gusta principalmente tra le mura domestiche e il 72% preferisce uscire e prenderlo al bar.

In termini sociologici, il rito italiano del caffè espresso si configura come una pratica quotidiana, che scandisce specifici momenti della giornata: dalla sveglia mattutina alla pausa lavorativa, dal dopo-pranzo alla ricarica energetica pomeridiana. Per quanto tale pratica possa essere svolta in solitudine, il rito della consumazione del caffè espresso viene di solito riconosciuta come routine: un’abitudine condivisa che mette in relazione due o più persone le quali costruiscono una interazione grazie al consumo della bevanda.

Con questa candidatura è nato il Primo Disciplinare del Caffè Espresso Italiano Tradizionale, sviluppato insieme al Comitato Italiano del Caffè e allo IEI Istituto Espresso Italiano per sancire le buone regole per ottenere il vero espresso italiano nei bar o nelle caffetterie.

Le regole riguardano la miscela, la macchina da caffè e il macinadosatore e la “mano dell’operatore/barista” che deve tenere sotto controllo le modalità di estrazione tenendo in considerazione temperatura, pressione e durezza dell’acqua, dose e macinatura fino al volume di estrazione in tazza; deve cioè preoccuparsi di quella piccola, ma vera e propria trasformazione industriale che il Barista (non a caso con la B maiuscola) compie quando ottiene dal caffè in grani quell’estratto che definiamo Espresso Italiano.

Gli esperti sono al lavoro da tre anni: a Marzo 2016 è stato protocollato il dossier alla Commissione Italiana Unesco per poi passare ai ministeri competenti.

A ottobre 2017 si è svolto un incontro presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) e in questa occasione è stata valutata e condivisa l’importanza del progetto culturale del Consorzio. Successivamente è avvenuta la registrazione presso il “Geoportale della Cultura Alimentare” del MiBAC attraverso l’iscrizione al progetto dei “Granai della Memoria” gestito dall’Università degli studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo – BRA (UNISG).

 Il 3 dicembre è stata fatta la presentazione ufficiale alla Camera dei Deputati per cercare il supporto della politica e abbiamo centrato l’obiettivo: Nel mentre, si rimane in attesa di essere inseriti nella lista delle nomination per il 2020 il cui termine è fissato per prossimo marzo. E questo è il primo obiettivo. Dopodiché bisognerà aspettare novembre 2020 per sapere se il caffè rientrerà nel patrimonio UNESCO.


Print
451 Rate this article:
No rating

Eventi

RSS
12

Corsi e formazione

Mixology Accademy Read more

Mixology Accademy

Si distingue rispetto alle tradizionali scuole, oltre al metodo di lavoro sviluppato e registrato col nome di GLOBAL BARTENDING, hanno un approccio che mette al centro dell’attenzione l’allievo. A tutti gli studenti viene data la possibilità di non limitare la loro formazione a poche settimane, ma di portarla avanti perfezionandosi nel tempo, in pieno spirito accademico. Vai alla notizia

RSS
123

Collabora con noi

SOCIAL

NEWSLETTER

Nome: 
Email:


CONTATTI

 info@horeca.it

 

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2020 - Portale Horeca - P.IVA 09045590016
Back To Top