Search
× Search
Menu
  1. Home
  2. Eventi
  3. Novità
  4. Locali e Cocktail
  5. Contatti

    Hai un locale di tendenza?
    Un prodotto innovativo per il settore Horeca?  
    Vuoi avere visibilità sul nostro portale dedicato? 

    CONTATTACI

     
    Corso Marche 36 - 10146 Torino
     
    info@horeca.it



Benvenuto nella nostra Vetrina!
Scopri tutte le novità 
 

qui troverai tutte le news del settore, se vuoi comunicarci eventi, novità o semplicemente vuoi far parte del nostro sito, pubblicizzando il tuo prodotto, basterà che ci contatti 

Per saperne di più 


Ultime Notizie

 CAMPARI ACQUISISCE IL GIN
 PREMIUM BULLDOG
La società italiana, che lo distribuiva già dal 2014, ha deciso di acquisirlo per 50 milioni di euro circa completando la sua gamma di spirits di proprietà, è stato ufficializzato il 2 febbraio del 2017.

Il gin, il distillato più in voga al momento, era il grande assente nel portafoglio di spirits di proprietà di Campari, ma questo vuoto è stato colmato con un acquisizione che segna il primo colpo di mercato del 2017 per il gruppo milanese. La società guidata da Bob Kunze-Concewitz ha, infatti, acquisito il Bulldog London dry gin, brand inglese indipendente di fascia medio-alta fondato nel 2007 dall’imprenditore ed ex investment banker Anshuman Vohra, che rimarrà in carica per un certo periodo di tempo in qualità di fondatore e brand ambassador.

UN’OPERAZIONE DA 50 MILIONI DI EURO – Campari sborserà per questo brand 50,9 milioni di euro cui si aggiungono 3,1 milioni tra debiti assunti e magazzino, per un totale di 54,1 milioni di euro di impegno complessivo per l’acquirente. In termini di multipli finanziari, ha fatto sapere la società, l’esborso complessivo è pari a 13,6 volte il margine di contribuzione di Bulldog gin (margine lordo dopo i costi di pubblicità e promozioni) atteso nel 2017, pari a circa 4 milioni di euro calcolato su base pro-forma. A questo ammontare se ne potrebbe aggiungere un altro (cosiddetto earn out) se le vendite dovessero superare un livello di volumi prestabilito. L’operazione dovrebbe perfezionarsi entro febbraio 2017.
BULLDOG ERA GIA’ DISTRIBUITO DA CAMPARI – L’acquisizione di questo gin inglese arriva piuttosto improvvisa ma non totalmente inattesa. L’azienda italiana, che lo distribuiva internazionalmente dal 2014, aveva infatti un’opzione per l’acquisto delle attività nel 2020. Scadenza che, però, è stata anticipata per sfruttare una serie di “vantaggi finanziari”, come ha sottolineato la società. Nei mesi scorsi le operazioni straordinarie erano state di segno opposto, con la cessione dei vini cileni Lapostolle e di quelli italiani Sella & Mosca e Teruzzi & Puthod arrivate dopo l’onerosa acquisizione del liquore Grand Marnier, per cui ha sborsato 490 milioni di euro circa.

 

EUROPA E STATI UNITI I MERCATI PRINCIPALI
– Bulldog gin è accreditato di 150 mila casse da 9 litri vendute in 95 paesi, per un fatturato netto di 11 milioni di euro nel 2016, in crescita del 22% sull’anno precedente se la performance è calcolata a cambi costanti. Spagna, Benelux, Regno Unito e gli Stati Uniti sono i mercati principali, oltre a una consolidata presenza nei duty free. Prodotto con una miscela di 12 ingredienti botanici provenienti da otto paesi, è distillato quattro volte in alambicchi di rame tradizionale nella distilleria di gin “più importante del mondo”, situata in Inghilterra, per renderlo molto morbido e adatto alla mixability, in linea con le ultime tendenze che vedono una riscoperta internazionale di questo particolare superalcolico, così come della tequila. 


per maggiori info --------------------> www.bulldoggin.com

     
Stampa
2630 Rate this article:
5.0

Cerca il tuo articolo

SOCIAL

NEWSLETTER

Nome: 

Email:


CONTATTI

 

 info@horeca.it


Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 - Portale Horeca - P.IVA 09045590016
,